Cerca
Il tuo profilo attuale:
0 0

Pinsa Romana: ricetta con farine miste e lunga lievitazione

Ingredienti:

1000 Grammi Farina
8 Grammi Lievito
700 Grammi Acqua fredda di frigo
2 cucchiai Olio extravergine d'oliva
20 Grammi Sale
Condimento
300 ml Passata di pomodoro
250 Grammi Mozzarella
q.b. Olio extravergine d'oliva
q.b. Basilico
q.b. Sale

La Pinsa Romana, antica specialità della regione Lazio, offre un’esperienza culinaria unica.

Mentre alcuni la considerano una variante della pizza, la sua storia affonda le radici nell’antica Roma, dove veniva servita come croccante focaccia di cereali.

Oggi, la Pinsa si distingue per la sua miscela di farine (grano, riso e soia) e una lunga lievitazione di 24-48 ore, garantendo un impasto leggero e altamente digeribile.

Come preparare la pinsa romana:

In una ciotola, mescola farina e lievito, aggiungendo gradualmente 700 ml di acqua.

impasto

Effettua tagli sull’impasto e incorpora sale, olio e acqua rimanente.

Lavora l’impasto per almeno 10 minuti e lascialo riposare per 25 minuti.

Stendi l’impasto su un piano infarinato, effettua pieghe e lascia lievitare per 2 ore.

lievitato

Trasferisci in frigorifero per 24 ore.

Dividi l’impasto in panetti, pucciali nella semola e lasciali lievitare per 4 ore.

Stendi ogni panetto, conferendo una forma ovale, e cuoci per 8 minuti su teglia calda.

 

Concludendo, la Pinsa Romana rappresenta un viaggio nel passato culinario romano, unendo tradizione e innovazione. Sperimenta la magia di questa prelibatezza e condividi il gusto autentico con amici e familiari. Buon appetito!

Di seguito alcune risposte a domande poste di frequente:

Posso usare solo farina di grano per la Pinsa?

Puoi, ma la miscela di farine conferisce un sapore unico.

Quanto deve durare la lievitazione in frigorifero?

Almeno 24 ore per garantire la leggerezza dell’impasto.

Posso congelare la Pinsa cotta?

Sì, ma è consigliabile farlo prima della cottura.

Conservazione:

Conserva la Pinsa in frigorifero per massima freschezza. Puoi anche congelarla, assicurandoti di sigillarla bene.

Varianti:

Le pinse romane, alla stregua della pizza napoletana, possono essere realizzate con tantissimi ingredienti sia nell’impasto che nel condimento, di seguito due semplici esempi di varianti:

Pinsa Light: Utilizza farine integrali e riduci l’olio per una versione più leggera.

Pinsa Gourmet: Sperimenta con condimenti come salsiccia sbriciolata e formaggi speciali.

Categories
Pane e focacce

Condividi questa pagina: Facebook - Twitter - Pinterest

vedi anche ricette:
torna all'elenco ingredienti -
Sai che puoi generare gratuitamente uno schema alimentare con le nostre ricette ?

Come fare ? clicca sul bottone che segue ed inizia a gestire un'alimentazione di qualitá

Sei giá in possesso di un codice schema ? allora inseriscilo qui e verrai reindirizzato al tuo piano alimentare:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

torna all'elenco ingredienti -
In una ciotola, mescola farina, lievito ed acqua.Incorpora sale, olio e acqua rimanente.Lascialo riposare per 25 minuti.Stendi l'impasto su un piano infarinato, effettua pieghe e lascia lievitare per 2 ore.Trasferisci in frigorifero per 24 ore.Dividi l'impasto in panetti, pucciali nella semola e lasciali lievitare per 4 ore.Stendi ogni panetto e cuoci per 8 minuti su teglia calda.Porzione per -4 +persona/e (4 pinse a porzione)
(dosi calcolate sulla ricetta base per 4 porzioni)

Tempo preparazione 40 minuti

Tempo cottura 10 minuti

Tempo totale 50 minuti

Consumo energetico basso

Difficoltá: facilissima

Iscriviti per essere informato sulle novità di questo sito